MJX X601H Range Mod 1 – Radiocomando


In questo articolo affronteremo una modifica dedicata al radiocomando del drone MJX RC X601H, un esacottero entry level, ma con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Se non conosci questo drone e vuoi saperne di più, dai un’occhiata alla recensione completa a questo link: Recensione Drone MJX RC X601H Esacottero

Vediamo ora come modificare il radiocomando per aumentare la distanza di volo. E’ possibile infatti migliorare notevolmente le prestazioni di questo drone con piccole modifiche fai da te, decisamente economiche. Serve solo molta pazienza….

ATTENZIONE: questo articolo è stato redatto a scopo informativo. Non mi assumo alcuna responsabilità per danni a cose o persone. Qualsiasi operazione di tipo elettrico dev’essere effettuata da personale esperto. Ricordo inoltre che qualunque manomissione o modifica effettuata sui prodotti, invalida la garanzia prevista dai termini di legge.

Questo radiocomando viene fornito con il supporto per smartphone. Lo stesso è montato ad incastro sulla finta antenna ed in caso di rimozione non sarà più possibile fissarlo saldamente. Pertanto per questa modifica propongo due varianti.

  1. La “MOD1” descritta in questo articolo è indicata per chi non utilizza il supporto e, ad esempio, monta lo smartphone sul visore VR. Si tratta di una modifica piuttosto semplice, poco invasiva e totalmente reversibile.
  2. La “MOD2” invece è più indicata a chi predilige l’ausilio dello smartphone montato sul radiocomando. In questo caso la modifica è leggermente più difficoltosa, ed anche se completamente reversibile, togliendo l’antenna ausiliaria ed il connettore RP-SMA rimarrà un piccolo foro da 6,5 mm sul retro del radiocomando. La MOD2 è descritta in questo articolo: MJX X601H Range Mod 2 – Radiocomando

In entrambi i casi il guadagno in termini di portata è lo stesso. Dipende quindi dai gusti personali.

MODIFICA 1 – Senza supporto per smartphone

Materiale occorrente:

Note sulla manipolazione di schede elettroniche

Quando si manipolano schede elettroniche è fondamentale tenerle lontane da cariche elettrostatiche. Il nostro stesso corpo può essere una fonte di elettroni. Si veda ad esempio quando si indossano indumenti sintetici e si scende da un’autovettura. E’ quindi molto importante essere “scarichi”. Per questo esistono appositi bracciali da indossare durante la manipolazione di schede elettroniche, acquistabili anche su amazon: InLine 55553 antistatic wrist strap

Note sulla saldatura

ATTENZIONE!!! Per questo tipo di saldature è necessario utilizzare un saldatore di tipo professionale, a bassa tensione. Il classico saldatore a stilo tipo questo:Saltatore stilo non va bene! Il pericolo è quello di danneggiare i componenti del front end della scheda. Tutti i saldatori per elettronica a bassa tensione invece, possono andare bene, purché siano di buona qualità e magari connessi a terra.

Procedura:

  1. Rimuovi dalla parte posteriore del radiocomando tutte le viti indicate in foto, (avrai bisogno di un piccolo cacciavite a croce). Attenzione: le viti non sono tutte uguali quindi tienile separate tra di loro, magari posizionandole nella nello stesso modo in cui sono fissate sul radiocomando
  2. Dopo aver rimosso tutte le viti e tolto le batterie (se presenti), apri il radiocomando con delicatezza e ribalta la scocca posteriore aprendola a libro come illustrato nell’immagine seguente, (attenzione a non forzare i cavi di alimentazione che provengono dal vano batterie)
  3. Come potrai notare l’antenna originale, è finta… infatti si può rimuovere semplicemente sfilandola dalla sua sede.. la vera antenna è fissata orizzontalmente sulla parte frontale della scocca. Al contrario di molti droni di tipo economico, qui finalmente MJX ha deciso di utilizzare un cavo coassiale e di adottare un’antenna ottimizzata per i 2,4 GHz. Solitamente questo tipo di hardware viene montato sulle fotocamere wifi per motivi di spazio e di peso, ma non godono di grandi prestazioni ed hanno quindi un basso guadagno (dBi). Considerando che il radiocomando lo teniamo saldamente tra le mani, possiamo aumentarne tranquillamente il peso ottimizzandone le prestazioni e la portata al massimo, in modo da irradiare nell’etere tutto quello che questa trasmittente può erogare, fino all’ultimo milliwatt. L’antenna in questo caso è fissata sulla scocca con alcune gocce di colla a caldo e la rimozione risulta piuttosto semplice. (puoi anche lasciarla dov’è, in quanto non interferisce con l’antenna che andremo a montare e potrai sempre ripristinarla in qualsiasi momento…)
  4. Con l’aiuto di un buon saldatore per elettronica (ne puoi reperire a qualsiasi prezzo anche su Amazon a questo link: saldatore per elettronica) dissalda il cavetto coassiale dalla scheda TX (centrale + calza).
  5. Procurati il Cavo adattatore antenna IPX a RP SMA-F, ed una rondella per vite M6 a base larga

    Note sulla manipolazione del cavo coassiale

    Il cavetto coassiale che si utilizza per questo tipo di applicazioni non è un comune cavo elettrico. Va maneggiato con moltissima cura, evitando di piegarlo eccessivamente, e prestando molta attenzione durante le operazioni di saldatura. Se per qualche motivo dovesse subire una torsione o raggio di curvatura eccessivi, potrebbe danneggiarsi irreparabilmente, peggiorando la trasmissione del segnale. Potrebbe infatti comportarsi da attenuatore, anziché un mezzo di trasporto del segnale elettrico!

  6. Accorcia il filo quanto basta, (la lunghezza non conta collegando la calza di schermatura), dovrai togliere una parte di guanina esterna per scoprire la calza (aiutandoti con delle forbici)Syma X5C Range Extension 011
  7. Separa ora il filo centrale dalla calza e togli una piccola parte di guaina che ricopre il filo centraleSyma X5C Range Extension 012
  8. Ora sarà necessario preparare la rondella metallica per essere ospitata nella sede della vecchia antenna (finta). Le soluzioni sono molteplici, dalla limatura della plastica del radiocomando all’utilizzo di una rondella di tipo plastico (la si può creare anche ritagliandola da un pezzo di plastica spessa), ma io ho optato per fare con quello che avevo in casa, e mi è sembrata una buona soluzione anche in termini di solidità complessiva. Quindi mano alla lima e creiamo i due intagli come nel supporto originale.. Per comodità è sufficiente sovrapporre l’antenna originale alla rondella e segnarne con un pennarello/matita/penna i due punti da limare..

  9. Ad operazione ultimata potrai avvitare il supporto RP-SMA sulla rondella per poi posizionarlo sulla sede del radiocomando
  10. Con l’ausilio di un saldatore, dissalda il cavetto dell’antenna originale e salda la calza ed il filo centrale del connettore RP-SMA negli stessi punti (indicati nella foto successiva)



  11. Ora puoi richiudere il radiocomando dell’ MJX X601H ed avvitare l’antenna WiFi sul connettore appena montato


  12. A questo punto non resta che effettuare il test di volo!!

Chiaramente il rovescio della medaglia è che la fotocamera FPV non ha una capacità così elevata di trasmissione, né tanto meno il ricevitore utilizzato ha delle antenne ottimizzate per questo tipo di applicazioni (smartphone o tablet). Ne consegue che dopo diversi metri il volo dovrà essere “a vista” ed i video registrati sullo smartphone o tablet saranno a scatti o inutilizzabili.

Per questo inconveniente vedremo prossimamente un articolo dedicato all’aumento della portata della fotocamera FPV MJX.

Ti stai chiedendo se è possibile aumentare ancora la distanza di volo tra drone e radiocomando?

La risposta è SI! Ma sarà necessario intervenire sulla ricevente e mettere le mani al drone, cosa che affronteremo nei prossimi articoli!

Nel frattempo, il mio consiglio è di utilizzare il radiocomando nel modo corretto per avere la miglior copertura possibile evitando “buchi” di trasmissione… Se non sai di cosa sto parlando ti consiglio di leggere questo articolo: Orientamento antenna 2,4 GHz su radiocomando

Se preferisci mantenere lo smartphone montato sul radiocomando, dai un’occhiata a questo articolo: MJX X601H Range Mod 2 – Radiocomando

Dubbi e curiosità sulle modifiche dedicate al tuo drone? Vuoi condividere la tua esperienza o chiarire alcuni aspetti? Parlane su facebook: Droni – Hack & Mods

SP-Favicon-FEED

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nuovi articoli pubblicati in questo sito? Iscriviti alla newsletter:

Oppure al feed RSS da questo link: http://feeds.feedburner.com/SimonePanziera
o visita la mia pagina Facebook e clicca su "Mi piace": https://www.facebook.com/simonepanziera.it/
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Commenta per primo questo articolo!

Notificami via mail
avatar
wpDiscuz