Tecnologia, fai da te, tutorial, elettronica, computer, software, elettrodomestici, smartphone e molto altro
Tecnologia, fai da te, tutorial, elettronica, computer, software, elettrodomestici, smartphone e molto altro

Roaming WiFi – Reti wireless

 Come configurare roaming wifi:

Roaming Wifi - TPLINKrouter
Roaming wifi

Configurare un roaming wifi è piuttosto semplice, ma facciamo una piccola premessa…

Le reti WiFi sono sempre più diffuse, in molti casi, per aumentare la copertura di rete di un edificio si tendono ad installare più access point.

Questo significa che sono presenti più punti d’accesso per connettersi alla stessa rete.

Supponiamo ad esempio di avere un telefono cellulare con la connettività WiFi attiva, e di trovarci in un’abitazione a due piani.

Disponiamo di due access point wireless, cablati sulla stessa rete, uno per il piano terra ed il secondo per il primo piano.

E’ chiaro che il segnale dell’access point più distante sarà più debole, ma spesso ancora visibile tramite una scansione di rete.

La capacità di un dispositivo client di scegliere a quale access point collegarsi in base alla potenza del segnale, viene detta Roaming (un po’ come accade per i telefoni cellulari).

Vediamo come configurare la nostra rete, affinché i dispositivi che ne usufruiranno possano determinare in modo autonomo, ottimale e nel minor tempo possibile, a quale access point collegarsi, senza perdere la connessione.

Molto spesso infatti si tende ad installare un secondo router WiFi (ad esempio), che dispone di un SSID diverso, rispetto al primo.

L’SSID è sostanzialmente il nome assegnato (visibile o nascosto), a quel determinato punto d’accesso.

Per alcuni router non è possibile cambiarlo, ad esempio molti tra quelli forniti in comodato d’uso gratuito.

Un caso molto comune è infatti quello in cui si possieda un router fornito dal gestore telefonico, e si voglia aumentare la copertura di rete installando un secondo router.

Tutti i router in commercio possono essere programmati in modo sufficientemente dettagliato, e pertanto offrono la possibilità di cambiare l’SSID.

Se questo è il tuo caso, per rendere univoco il nome della rete, quindi, dovrai copiare l’SSID del router al quale non puoi cambiarlo, ed assegnarlo a quello installato successivamente, in modo da avere lo stesso, identico nome su entrambi.

Inoltre è molto importante la scelta del canale di trasmissione.

Non è consigliabile infatti lasciare la configurazione automatica, ma è bene assegnare due canali differenti, ad esempio canale 1 sul primo router, e canale 2 sul secondo.

Questo permetterà al dispositivo client (ad esempio il telefono cellulare o tablet), di effettuare il roaming senza perdere la connessione.

Se questa ottimizzazione non venisse rispettata, in taluni casi potrebbe essere necessario dover scegliere manualmente ogni volta a quale dispositivo connettersi (nel caso di SSID diversi), oppure, se avessero lo stesso nome, ma anche lo stesso canale, potrebbe verificarsi una perdita temporanea della connessione durante l’operazione di roaming.

Per la configurazione del router o dell’access point è bene consultarne il manuale, in quanto ogni casa produttrice implementa un sistema differente (anche se spesso simile) per cambiare i parametri prescelti.

SP-Favicon-FEED

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nuovi articoli pubblicati in questo sito?
Iscriviti al feed RSS da questo link: http://feeds.feedburner.com/SimonePanziera
o visita la mia pagina Facebook e clicca su "Mi piace": https://www.facebook.com/simonepanziera.it/
Condividi questo articolo:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
1 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Giovanni Neri Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Nuovi Vecchi Più votati
Notificami via mail
Giovanni Neri
Guest

Quindi, secondo quanto indicato per una sostituzione seamless del router basterebbe usare lo stesso SSID ma su canali diversi. Ma questo funzionerebbe anche nel caso di dispositivi Alexa che lavorano sulla frequenza di 2.4GHz? Oltre allo stesso SSID avrebbe senso usare lo stesso canale spegnendo prima il router di partenza e poi attivando quello nuovo?